Le librerie che resistono

Un settore in crisi e le realtà che resistono

Un’emergenza, un’emorragia, una crisi nera. È in questi termini che ultimamente si parla della chiusura di sempre più librerie, spesso indipendenti, nel nostro Paese. Il primo mese del 2020 ha riacceso i riflettori sul fenomeno: a Torino hanno chiuso Paravia, la seconda più antica libreria d’Italia (era nata nel 1802), e la Comunardi, a Milano la libreria all’interno dell’ospedale Niguarda, a Roma la Feltrinelli International e la Libreria del viaggiatore, e in totale sono 2300 le librerie chiuse negli ultimi cinque anni in Italia, secondo quanto dichiarato dal Presidente dell’Associazione Librai Italiani, Paolo Ambrosini. Milano sta meglio di tanti…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Design e urbanistica a cavallo di due secoli

Una passeggiata per QT8

All’estremità nord-ovest di Milano, incastonato tra le curve del Meazza e quelle della circonvallazione esterna, è sorto ormai più di 60 anni fa il Quartiere dell’ottava Triennale, un esperimento urbanistico che allora venne considerato avveniristico da molti, se non da troppi. Nato su idea dell’architetto Piero Bottoni, QT8 ha dato il via a un nuovo concetto di edilizia residenziale nelle periferie milanesi. Le menti che diedero vita a questo progetto pensarono di realizzare un modello di quartiere che si potesse discostare dall’idea della centralità della piazza e poter connettere i nuovi moduli abitativi con un uso estensivo del verde. Ad oggi…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Capire i microclimi cittadini

Come temperatura e precipitazioni cambiano all’interno di Milano

Nei primi giorni di gennaio, a cavallo tra l’anno ormai archiviato e le ultime festività, non è stato insolito passeggiare per Milano con un sole tiepido, senza dover sopportare le piogge fitte tipiche degli ultimi mesi del 2019. Se per tutto l’anno passato le istanze climatiche sono state portate sotto gli occhi di tutti grazie all’impegno di gruppi come Fridays For Future e della ormai famosissima Greta Thunberg, gli effetti del surriscaldamento globale nelle città italiane si iniziano a vedere solo adesso, e sono ancora limitati rispetto ad altre zone del globo. Anche a Milano, il…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Ferrovia, murales e botteghe di quartiere

Una passeggiata per l’Ortica

Un quartiere lungo 400 metri. È questa la distanza dalla fine del Cavalcavia Buccari al Ponte dell’Ortica, ovvero un semplice passaggio pedonale che scavalca i binari. Oltre alle piccolissime dimensioni, è proprio la ferrovia a caratterizzare l’urbanistica e la storia dell’Ortica, diventandone parte del paesaggio da qualunque veduta lo si guardi. Fino agli anni ’30 il quartiere ospitava la stazione di Lambrate, oltre a una serie di svincoli ferroviari e il deposito delle locomotive. Oggi…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Milano libera dall'Italia

Il percorso per diventare Città Stato

Parlare di autonomia nel nord Italia mette sempre un po’ di paura. Risulta facile che i ricordi della vecchia Lega Nord ritornino alla mente. Ma il progetto di Milano Città Stato, nato nel 2015 su iniziativa dell’Associazione Vivaio e di Andrea Zoppolato, va oltre i pregiudizi di una “Padania indipendente”, come diceva il Senatùr nei comizi degli anni ’90. La proposta di Milano Città Stato è proprio in contrasto con queste idee, in quanto immagina che la metropoli meneghina possa, in un futuro non troppo lontano, equipararsi alle grandi capitali europee o agli…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Che fine hanno fatto i monopattini?

Milano regola la sharing mobility

Probabilmente ve ne siete accorti, ma da qualche mese sono scomparsi i monopattini elettrici dal centro di Milano. Molti devono aver gioito nel non avere più la strada bloccata da un mezzo lasciato malamente sul marciapiede dal suo ultimo utilizzatore, altri saranno rimasti scontenti nell’aver perso un utile mezzo per i loro micro-spostamenti nel centro città. Tutto questo è successo perché…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

L’arte che attiva il territorio

Il colore e la rigenerazione urbana

Molti le chiamano “piazze a pois”, tanti altri si sono chiesti se una mano di colore per terra possa cambiare il modo in cui si vive un quartiere. Stiamo parlando degli interventi di urbanistica tattica realizzati nell’ultimo anno dal comune di Milano all’interno del progetto “Piazze Aperte”. La formula è stata più o meno la stessa in tutti i luoghi: rimodulazione di traffico e parcheggi, con l’inserimento di panchine, fioriere, alberi, tavoli da ping pong e l’uso massiccio del colore. Gli interventi più grossi e vistosi sono stati quelli in Piazza Dergano, Piazza Angilberto, Porta Genova e Spoleto-Venini (NoLo), ma…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Una serata al bancone del bar

Dalla Milano da bere alle miscelazioni futuriste

“Ciao, mi fai un gin tonic e un Negroni?” potrebbe essere la frase più utilizzata a Milano, quantomeno nelle notti di divertimento e balera del venerdì sera. Dalla “Milano da bere” degli anni ’80 agli innumerevoli locali che hanno aperto lungo i Navigli negli ultimi anni, il capoluogo meneghino è sempre stato la capitale di apertivi e cocktail bar. Nel corso degli ultimi anni, locali storici e a conduzione famigliare hanno spesso faticato a tenere il passo della concorrenza, mentre…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Tra i palazzi della Barona

Una periferia dimenticata

“AAA cercasi killer nella tua zona – Per questo arrivo da Ba-Ba-Barona – Così è come la vera Milano suona”, canta in “Popolare” il rapper Marracash, che alla Barona ci è vissuto da quando aveva 10 anni. “Ti sentivi figo se avevi i genitori criminali. La mia faccia da marocchino e poco di buono è servita,” ha raccontato qualche anno fa in un’intervista, quando ormai la sua fama lo precedeva. Bastano queste poche parole ad inquadrare uno dei quartieri più difficili di Milano, posto…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Milano regina del mattone

Come cambia il mercato immobiliare in città

La ruota panoramica e il roller coaster stavano proprio al centro delle Varesine, quella striscia di Milano che si estendeva dalla Stazione Centrale fino a Porta Garibaldi, il secondo polo ferroviario della città. Uno squarcio del capoluogo meneghino abbandonato a nord, l’unico posto in cui era possibile creare un Luna Park, lontano dai negozi di Haute Couture del centro e dalla borsa valori. Adesso, riguardando…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!