Viaggio virtuale nell’arte

Visite e contenuti online per resistere e sperimentare

Nessuno sa ancora quante settimane o quanti mesi passeranno prima che si possa tornare a meravigliarsi davanti al Bacio di Hayez, al Cristo morto del Mantegna o al Quarto Stato di Pelizza da Volpedo. I musei sono state tra le prime attività a chiudere e saranno, probabilmente, anche tra le ultime a riaprire. Se nessuno può più affollare le stanze e fermarsi ad ammirare le opere degli autori studiati sui libri di storia, i musei non hanno però rinunciato a voler raggiungere il proprio pubblico, fare cultura e mostrare le proprie collezioni. In queste settimane c’è infatti una vera e propria corsa da parte di musei e altre istituzioni della cultura a usare siti internet e canali social per allestire dei palinsesti che sopperiscano…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Ritorno al paese delle tovagliette a quadri

Intervista a Tommaso Melilli

“Nella storia recente dell’alta cucina degli ultimi vent’anni c’è stata Parigi, che ha inventato un nuovo modo frugale ed elegante di mangiare bene; c’è stata Copenaghen, che ha insegnato a tutti i cuochi del mondo che intorno a te c’è sempre qualcosa di buono da raccogliere; e poi c’è Milano, che si è ingozzata di sushi per vent’anni. Non si sa bene perché, «il miglior ristorante indiano di tutta Milano» era sempre sotto casa dell’amico che mi ospitava, anche se gli amici che mi ospitavano erano tanti e abitavano in tanti quartieri diversi. E l’indiano sotto casa loro faceva schifo. Continuavo a vedere decine e decine di trattorie toscane gestite da famiglie palesemente bergamasche o calabresi; e io mi annoiavo moltissimo.” Poi però Tommaso Melilli, che a Parigi era diventato uno chef e in pochi anni aveva aperto il suo ristorante, si è accorto che qualcosa stava cambiando. La Francia stava

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Microfoni aperti

Un periodo non facile, con le vostre parole

Questa uscita di Duemila Parole è diversa dal solito. Abbiamo deciso di dare spazio alle vostre voci e di lasciare che i vostri pensieri potessero uscire, dopo giorni difficili tra le mura di casa. Questa pandemia ci ha intrappolato nelle nostre abitazioni, con poco preavviso e senza una data di termine. All’improvviso, andare al lavoro, fare la spesa, portare il cane a fare una passeggiata sono diventati sogni nel cassetto invece che parentesi noiose della solita routine. L’isolamento tra…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Milano e l’acqua

Come fiumi, navigli e tubature possono arricchire o danneggiare la città

Paragonare Milano alle grandi città europee sviluppate intorno a vie navigabili e corsi d’acqua non è possibile. I canali di Amsterdam, i fiumi delle città nordiche dalla Germania e la famosa rete di canali navigabili che collegano Londra fino a Manchester sono realtà molto distanti da quella lombarda. Almeno a partire dall’inizio del ventesimo secolo fino ad oggi. La città della Madonnina ha infatti abbandonato, o meglio sotterrato, la rete di navigli che collegavano Milano al fiume Po e alle rotte adriatiche. La chiusura dei navigli e il conseguente piano urbanistico hanno…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Il ristorante si sceglie su Instagram

Intervista a Caterina Zanzi

Se abitate a Milano, e avete cercato online un posto per un aperitivo tra colleghi, un locale per un primo appuntamento o un ristorante per stupire gli amici, è impossibile che non vi siate imbattuti in Conosco un posto. Il blog di Caterina Zanzi è un punto di riferimento in città per scoprire realtà nuove dove mangiare, bere, passeggiare o partecipare ad eventi. Il suo profilo Instagram è un fiume di consigli, che spesso arrivano come risposta a un box domande nelle Stories. Il tono amichevole, le recensioni senza piaggeria e la capacità di scovare sempre posti nuovi hanno permesso a Caterina di trasformare un hobby in un lavoro. Le abbiamo fatto qualche domanda per…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Una casa per chi non se la può permettere

I tentativi delle istituzioni di affrontare l’emergenza abitativa a Milano

Per chi non ha mai vissuto nella metropoli meneghina potrebbe sembrare un problema risolvibile in pochi giorni. Invece, per chi si è appena trasferito a Milano, trovare un appartamento o una stanza in affitto è diventata una vera e propria impresa, una corsa ad ostacoli tra stanze condivise in periferia, attici con vista sul Duomo per investitori internazionali e bilocali gestiti dalle tante compagnie online per affitti a breve termine. Negli ultimi anni, la domanda di immobili in locazione è stata inversamente proporzionale all’offerta del mercato, causando uno squilibrio nei prezzi e il primato di Milano come città più cara d’Italia. Per arginare…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Una passeggiata in Sarpi

Una comunità che vuole tornare alla normalità

Stanca, provata, ma non rassegnata. È questo lo stato d’animo della comunità cinese di Milano, dopo dieci giorni in cui il nuovo coronavirus è sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Camminando per via Sarpi, cuore della Chinatown meneghina, e fermandosi a fare qualche domanda a ristoratori e negozianti, è il fastidio per essere sotto i riflettori una delle prime cose che emerge. Ieri mattina in via Sarpi c’erano più giornalisti e fotografi che persone con la mascherina, in una strada certo non piena, ma nemmeno vuota, con persone che facevano colazione, altre a passeggio e molte con le buste della spesa in mano. I dehor…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Le librerie che resistono

Un settore in crisi e le realtà che resistono

Un’emergenza, un’emorragia, una crisi nera. È in questi termini che ultimamente si parla della chiusura di sempre più librerie, spesso indipendenti, nel nostro Paese. Il primo mese del 2020 ha riacceso i riflettori sul fenomeno: a Torino hanno chiuso Paravia, la seconda più antica libreria d’Italia (era nata nel 1802), e la Comunardi, a Milano la libreria all’interno dell’ospedale Niguarda, a Roma la Feltrinelli International e la Libreria del viaggiatore, e in totale sono 2300 le librerie chiuse negli ultimi cinque anni in Italia, secondo quanto dichiarato dal Presidente dell’Associazione Librai Italiani, Paolo Ambrosini. Milano sta meglio di tanti…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Design e urbanistica a cavallo di due secoli

Una passeggiata per QT8

All’estremità nord-ovest di Milano, incastonato tra le curve del Meazza e quelle della circonvallazione esterna, è sorto ormai più di 60 anni fa il Quartiere dell’ottava Triennale, un esperimento urbanistico che allora venne considerato avveniristico da molti, se non da troppi. Nato su idea dell’architetto Piero Bottoni, QT8 ha dato il via a un nuovo concetto di edilizia residenziale nelle periferie milanesi. Le menti che diedero vita a questo progetto pensarono di realizzare un modello di quartiere che si potesse discostare dall’idea della centralità della piazza e poter connettere i nuovi moduli abitativi con un uso estensivo del verde. Ad oggi…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Capire i microclimi cittadini

Come temperatura e precipitazioni cambiano all’interno di Milano

Nei primi giorni di gennaio, a cavallo tra l’anno ormai archiviato e le ultime festività, non è stato insolito passeggiare per Milano con un sole tiepido, senza dover sopportare le piogge fitte tipiche degli ultimi mesi del 2019. Se per tutto l’anno passato le istanze climatiche sono state portate sotto gli occhi di tutti grazie all’impegno di gruppi come Fridays For Future e della ormai famosissima Greta Thunberg, gli effetti del surriscaldamento globale nelle città italiane si iniziano a vedere solo adesso, e sono ancora limitati rispetto ad altre zone del globo. Anche a Milano, il…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!