Una comunità che vuole tornare alla normalità

Stanca, provata, ma non rassegnata. È questo lo stato d’animo della comunità cinese di Milano, dopo dieci giorni in cui il nuovo coronavirus è sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo. Camminando per via Sarpi, cuore della Chinatown meneghina, e fermandosi a fare qualche domanda a ristoratori e negozianti, è il fastidio per essere sotto i riflettori una delle prime cose che emerge. Ieri mattina in via Sarpi c’erano più giornalisti e fotografi che persone con la mascherina, in una strada certo non piena, ma nemmeno vuota, con persone che facevano colazione, altre a passeggio e molte con le buste della spesa in mano. I dehor…

Per continuare a leggere clicca qui. E non dimenticare di iscriverti alla newsletter, è gratis!

Pubblicato da Duemila Parole

Una newsletter settimanale su Milano.